Sport

Patti: Totò Riolo vince il Tindari Rally e fa poker. Tra le 2 ruote motrici successo per i pattesi Tonino Segreto e Christian Bartolini 8° assoluto

Totò Riolo e Maurizio Marin su Skoda Fabia R5 vincono il Tindari Rally 2019 e fanno poker. Il driver di Cerda ed il copilota di Termini Imerese sulla vettura preparata da Pool Racing, hanno vinto le PS 4 e 6 e hanno regalato il successo a CST Sport, sodalizio organizzatore della gara, di cui sono portacolori, che ha completato il calendario di Campionato Siciliano. Per Riolo si tratta del quarto successo nella gara della sua scuderia, dopo i successi del 2015, 2016, 2017 ed il secondo posto nel 2018. Sul podio tutto composto da Skoda Fabia R5, sono saliti due protagonisti del tricolore rally: al secondo posto sono giunti Marco Pollara in coppia con il veterano pattese Rosario Siragusano, seguiti dal giovane Alessio Profeta e Sergio Raccuia. Sempre incerte e mutevoli le condizioni meteo che hanno alternato pioggia a vento, rendendo difficile ogni scelta di gomme e set up. Si sono disputate 7 delle 9 prove in programma, la 2^ nella serata di sabato è stata percorsa in trasferimento poiché non sussistevano le ottimali condizioni di sicurezza. La fortuna non assistito l’equipaggio di casa Alessandro Casella coadiuvato dal talentuoso David Arlotta che su Skoda sulla PS 6, ha dovuto abbandonare la gare per un guasto alla vettura, dopo aver vinto la PS 3 e tenuto il comando della gara dalla stessa fino alla penultima prova. Stessa sorte per una rottura meccanica al trapanese Bartolomeo-Mistretta su Renault Clio R3 per un guasto, mentre comandava tra le 2 ruote motrici.

Sotto al podio hanno confermato tutto il loro potenziale i giovani nisseni Salvatore Lo Cascio e Michele Castelli vincendo le PS 7 e 8, su Skoda Fabia del Team Munaretto. Top five completata dai santangiolesi Carmelo Galipò e Tino Pintaudi, primo equipaggio interamente messinese, che sulla Fabia del team Ferrara Motors, dopo una partenza un po’ sottotono, hanno rimontato e vinto la classe. Con la 7^ posizione assoluta ha firmato il successo in Super 2000 il nisseno Roberto Lombardo su Peugeot 207, precedendo l’agrigentino di FR Motorsport Gabriele Morreale, anche lui su Peugeot 207 S2000. Tra le 2 ruote motrici e gruppo N, successo per i pattesi Tonino Segreto e Christian Bartolini su Renault Clio, che hanno dato la svolta decisiva dopo l’attacco sulla prima difficile prova della seconda giornata ed hanno poi chiuso all’8° posto assoluto.

Vittorie PS : Profeta 1 – Casella 2 – Riolo 4, 6 – Pollara 5 – Lo Cascio 7,8

Top 5 non ufficiale del Tindari Rally: 1 Riolo – Marin (Skoda Fabia R5) in 42’10”7; 2 Pollara – Siragusano (Skoda Fabia R5) a 14”8; 3 Profeta – Raccuia (Skoda Fabia R5) a 1’22”5; 4 Lo Cascio – Castelli (Skoda Fabia R5) a 1’49”1; 5 Galipò – Pintaudi (Skoda Fabia R5) a 2’01”0.

La competizione si è arricchita anche grazie al Rally Historic Tindari giunto alla terza edizione. A vincere la sfida sono stati Mauro Lombardo e Rosario Merendino, l’equipaggio dell’Island Motorsport che sulla Porsche 911 ha dominato il 2° Raggruppamento, vincendo solo sul traguardo. Infatti, per tutta la gara, c’è stato un appassionante duello con Pierluigi Fullone e Alessandro Failla su BMW 2002 dominatori di 1° Raggruppamento, balzati al comando a metà gara e lo hanno mantenuto fino all’ultimo controllo orario, quando un ritardo li ha retrocessi al 2° posto assoluto. Per Fullone la gratificazione della vittoria in categoria ed in Campionato Siciliano, serie promossa dalla Delegazione ACI Sport Sicilia, di cui la gara organizzata da CST Sport ha completato il calendario stagionale. Grande rally per entrambi gli equipaggi con Lombardo partito immediatamente in attacco e il driver di Collesano in grande rimonta.

Redazione

Lascia un commento

shares